Poteri Presidente USA: chi è, cosa deve fare, quali cariche e responsabilità ha su Italia ed Europa

Presidente Usa

Donald Trump è il 45° presidente degli Stati Uniti d’America e il primo presidente a non aver ricoperto una carica politica o militare prima dell’elezione. Ma cosa vuol dire e quali poteri ha il Presidente USA? Diamo una rapida occhiata al profilo presidenziale americano e quale saranno i prossimi passi prima della nomina ufficiale di Trump.

Profilo di un presidente USA

Il presidente degli Stati Uniti è definito come capo di Stato e come capo del governo. Facendo un rapporto con il nostro Paese egli ricopre sia la carica di Presidente della Repubblica che quella di Presidente del Consiglio. Rappresenta dunque una figura unica di stabilità del Paese.

Le sue funzioni sono dettate dall’art.2 della Costituzione che attribuisce al Presidente USA funzioni esecutive in materia di leggi federali, nomina di funzionari federali e della firma dei trattati internazionali. Nello specifico il presidente ha poteri sia di tipo legislativo che esecutivo e giudiziario.

Per il suo ruolo legislativo il presidente ha potere di veto finali sulle leggi emanate dal Congresso ma non può avanzare proposte di leggi federali. Nel suo ruolo amministrativo, invece, egli è posto a capo di tutta la struttura amministrativa avendo anche l’importante compito di monitorare la corretta esecuzione delle leggi.

Inoltre può nominare funzionari pubblici come ambasciatori, membri del Gabinetto presidenziale e altri funzionari amministrativi; tali nomine diventa effettiva solo con l’approvazione del Senato.

Nel suo ruolo amministrativo, inoltre, si occupa anche della nomina di giudici federali e dalla concessione di grazia per la sospensione della pena per condanne di reati di tipo federale.

Al presidente Usa è affidato un altro grande ruolo: comandare le forze armate e gestire la politica estera, per questo l’elezione del Presidente può avere dei riflessi anche su tutti gli altri paesi del Mondo.

Conseguenze e sfide per la politica estera di Donald Trump e prossimi passi

Per fare un esempio pratico della forza esercitata dal Presidente Usa sugli altri Paesi guardiamo alle sfide che Donald Trump dovrà affrontare nel suo mandato in materia di politica estera.

Grande attenzione ci sarà sicuramente sui rapporti USA-Russia. La simpatia fra Trump e Putin è reciproca e i due paesi tenteranno di distendere i loro rapporti che potrebbero avere come conseguenze il ritiro delle truppe Nato dal confine tra Russia ed Europa.

Trump potrebbe portare, inoltre, a ridefinire i termini degli accordi Nato, l’alleanza transatlantica nata dopo la seconda guerra mondiale per contenere la minaccia sovietica. Trump vorrebbe spingere l’Europa a pagare per il prezzo finanziario della sicurezza nel Vecchio continente.

In definitiva Donald Trump avrà ancora qualche mese in cui definire le proprie manovre. Il mandato ufficiale da Presidente degli Stati Uniti gli sarà dato il 20 gennaio alle ore 12, come da tradizione, quando dovrà pronunciare giuramento davanti al Presidente della Corte Suprema.